Raw material in polyamide granule red by Mebra Plastik

Poliammide

Descrizione

Il successo delle poliammidi è dovuto alla varietà di prodotti di cui ne fanno parte, che presentano caratteristiche peculiari e che li rendono la scelta ideale per l'impiego in molte applicazioni. La poliammide combina ottime proprietà meccaniche a eccellente resistenza chimica. E' talmente versatile da essere utilizzata in sostituzione a tubi metallici, ma anche come elastomero, sia in ambienti protetti che in ambienti aggressivi (raggi UV, intemperie ecc.).

Scopri tutti i prodotti in poliammide

Info aggiuntive

STORIA

La sintesi delle prime poliammidi derivanti dalla polimerizzazione di acidi bibasici e diammine sono avvenute negli anni 30 nel laboratori DuPont coniando il nome attualmente utilizzato nel linguaggio comune di “Nylon”. Inizialmente utilizzato come filamento per la sostituzione del cotone viene poi introdotto in tutti i campi in cui è richiesta prestazione meccanica elevata grazie alla possibilità di essere potenziata con aggiunta di cariche. La leggenda narra che “Nylon” derivi dall’acronimo Now You Lose Old Nippon in risposta al blocco del commercio del cotone tra Stati Uniti e Giappone, durante la Seconda Guerra mondiale, per la produzione di tessuti per paracaduti. Con l’avvento della polimerizzazione da monomeri amminocarbossilici come il Caprolattame (produzione della poliammide 6), negli anni 40, si è introdotto nella nomenclatura il numero di carbonio delle unità ripetitive, es Nylon 6.6 Nylon 6 ecc. In questo stesso periodo la sperimentazione porta alla nascita di tutte le altre poliammidi con le più svariate combinazioni di alternanza tra i gruppi -CONH- e i gruppi -CH2- dando alla luce le poliammidi 3, 4.6, 11, 6.10, 6.12 ecc. Eccezione fa la polammide 12 che viene sintetizzata negli anni 70. Un'altra innovazione è stata compiuta negli anni 90 quando in commercio si è presentata la poliftalammide PPA una poliammide che presenta all’interno del monomero di base un anello aromatico che conferisce rigidità alla struttura.

MORFOLOGIA

Tutte le poliammidi sono polimeri semi-cristallini opachi o semi-trasparenti con eccezione della poliammide 12 che è possibile trovarla anche nella versione amorfa trasparente introdotta nel mercato negli anni 70.

STRUTTURA

Le strutture fondamentali si ripetono uguali a se stesse per tutta la lunghezza della catena per tutte le poliammidi. Ciò che le fa ricadere all’interno della famiglia "Poliammide" è la presenza di gruppi amminici alternati da gruppi alifatici.

COMPARAZIONE

Il successo delle poliammidi è dovuto alla varietà di prodotti di cui ne fanno parte, che presentano caratteristiche peculiari e che li rendono la scelta ideale per l'impiego in molte applicazioni. La poliammide combina ottime proprietà meccaniche a eccellente resistenza chimica. E' talmente versatile da essere utilizzata in sostituzione a tubi metallici, ma anche come elastomero, sia in ambienti protetti che in ambienti aggressivi (raggi UV, intemperie ecc.).

Le principali differenze tra poliammide 6 e 6.6

A confronto, la poliammide 6.6 vanta prestazioni migliori in termini di rigidità meccanica, resistenza alla temperatura, resistenza all'abrasione, assorbimento d’acqua e velocità di assorbimento. Di contro la poliammide 6 presenta miglior resistenza agli urti, anche a basse temperature, miglior lavorabilità e finitura superficiale. In termini di resistenza chimica, invece, queste due poliammidi sono molto simili.

Poliammide 11 e poliammide 12

La poliammide 11 rispetto alla poliammide 12, (a parità di additivi e rinforzanti) mostra una resistenza all’impatto doppia a basse temperature; la temperature di deflessione sotto carico risultano simili, ma la temperatura Vicat (penetrazione di una punta sotto carico) è più alta e quindi, se pure con differenze minime, le prestazioni della poliammide 11 ad alte temperature sono migliori. Come linea guida generale si può affermare che la poliammide 11 offre resistenza chimica agli idrocarburi e, in generale, alle altre sostanze che aggrediscono le poliammidi, migliori rispetto alla poliammide 12. Garantisce inoltre effetto barriera ai carburi e idrocarburi fino a due volte più efficace. Di contro la poliammide 12 risulta la poliammide più leggera di tutte, a vantaggio di tutte quelle applicazioni per cui la massa è una discriminante ed offre la percentuale di assorbimento d’acqua più bassa in assoluto.

Riassumendo:

Poliammide 11 e 12 sono più resistenti all'idrolisi rispetto a poliammide 6 e 6.6 in quanto assorbono meno acqua. Hanno inoltre coefficienti d’attrito leggermente più bassi. Le proprietà meccaniche a temperatura ambiente e ad alte temperature della poliammide 6 e 6.6 sono più elevate di quella della poliammide 11 e 12 ma la loro propensione all’assorbimento di acqua rende le performance di difficile previsione perché incostanti. Le ultime due righe vanno dedicate alle poliftalammide (PPA) che racchiude in sé i pregi delle poliammidi alifatiche, come le ottime proprietà meccaniche della poliammide 6.6, 6, eccezionale resistenza chimica e ridotto assorbimento di acqua della poliammide 11 e 12, a cui viene aggiunto un eccezionale miglioramento delle performance, anche a lungo termine, alle alte temperature.

Tipologie
Il cuore della nostra produzione è l'estrusione e con questo processo generiamo tubo lineare avvolto o in barre. Con successive lavorazioni produciamo altre tipologie di prodotto a cui abbiniamo poi accessori e altri articoli di completamento della gamma.

Tubo singolo, flessibile, non termoformato, avvolto in matasse di varia lunghezza.

PRO:

  • ingombro contenuto.
  • lunghe distanze senza giunte.

CONTRO:

  • memoria elastica dell'avvolgimento.
  • tolleranza sul taglio di +/- 2% della lunghezza.

Vari tubi singoli flessibili, uniti in un unico fascio, termoformati o protetti da guaina.

PRO

  • tubi uniti senza il bisogno di accessori;
  • nel caso di tubi inguainati, protezione extra da abrasione, eventi atmosferici, agenti chimici, ecc

Tubo singolo estruso o multi-tubo termoformato a spirale.

 

PRO

  • ingombri contenuti;
  • memoria elastica di ritorno del tubo alla posizione compatta originale;
  • se acquistata già raccordata, rapida installazione

Tubo singolo, flessibile o rigido, non termoformato, tagliato e confezionato in barre dritte.

PRO:

  • nessuna memoria elastica (barra dritta);
  • tolleranze ridotte sul taglio.

CONTRO:

  • se la barra è più lunga di 1.2 m ingombri fuori standard con aumento dei costi di trasporto.

Tubo singolo inguainato per una protezione migliore a fattori ambientali esterni.

Poliammide

Il successo delle poliammidi è dovuto alla varietà di prodotti di cui ne fanno parte, che presentano caratteristiche peculiari e che li rendono la scelta ideale per l'impiego in molte applicazioni. La poliammide combina ottime proprietà meccaniche a eccellente resistenza chimica. E' talmente versatile da essere utilizzata in sostituzione a tubi metallici, ma anche come elastomero, sia in ambienti protetti che in ambienti aggressivi (raggi UV, intemperie ecc.).

Potrebbe interessarti anche

Sono quattro i macro-polimeri con cui lavoriamo per produrre i nostri tubi. Poliammidi e poliuretani sono la soluzione più comune per l'automazione e quindi il passaggio dell'aria compressa. Quando il tubo viene a contatto con fluidi diversi dall'aria o viene installato in condizioni ambientali gravose, intervengono i tubi in fluoropolimero. Quando la soluzione più economica è la chiave, i polietileni hanno il sopravvento.

Poliuretano

Con il termine poliuretano si racchiude una vastissima famiglia di prodotti con le più svariate caratteristiche in termini di proprietà meccaniche, chimiche e fisiche. Attraverso la corretta scelta e proporzione di polioli e diisocianati è possibile passare da prodotti soffici e morbidi, come le sch...

Fluoropolimero

Applicazioni sempre più tecniche in ambienti aggressivi in termini di temperatura, agenti chimici e condizioni atmosferiche ha fatto sì che i fluoropolimeri trovassero sempre più spazio sul mercato. Si tratta di polimeri ad altissime prestazioni, a fronte però di costi elevati, sia della materia pri...

Polietilene

Il polietilene, con il 40% del volume totale della produzione mondiale di materiali plastici, risulta uno dei polimeri più diffusi nella vita quotidiana. Nonostante la semplice composizione chimica esistono numerose varietà di polietilene le cui proprietà termiche e meccaniche cambiano a seconda del...

Altri prodotti

A completamento della gamma proponiamo tubi in PVC, silicone e accessori di vario tipo per il taglio, l'organizzazione e la protezione dei nostri prodotti.